Spazio Libero Onlus

Spazio Libero Onlus

“Sperare non è sognare, ma la capacità di trasformare il sogno in realtà”

Social Party: l’abbattimento delle barriere architettoniche e il turismo sociale; tra “party” e approfondimento. Una realtà oggi possibile

06 Ottobre 2013.

L’idea di diversabilità non nasce solamente dal riconoscimento e valorizzazione della pluralità dei modi di agire, ma trae origine anche dall’esigenza di non permettere di oscurare il valore della persona nella sua essenziale umanità.

La persona disabile è un individuo, con una propria identità, con una propria connotazione, con caratteristiche proprie. Accettare la diversabilità significa creare condizioni ambientali a vantaggio dei diversabili, partendo dall’abbattimento delle barriere architettoniche per poi arrivare a sconfiggere i vari pregiudizi, le paure, le incomprensioni, la mancanza di conoscenze. Infatti, non bisogna dimenticare che l’abbattimento delle barriere architettoniche non interessa, in via esclusiva, il soggetto diversamente abile, ma categorie diverse: l’anzianità che porta numerose patologie, le persone colpite da infortuni, le donne in gravidanza o col passeggino, i lavoratori che devono movimentare carichi, le persone che vanno a fare la spesa con il carrello.

Partendo da queste premesse e seguendo un percorso progettuale avviato dall’Associazione “Spazio Libero Onlus” nell’anno 2011/2012 inerente il turismo sociale, nasce l’idea dell’evento “Social Party”. Questo è stato promosso e realizzato dall’Associazione “Spazio Libero Onlus” il 6 Ottobre scorso, presso il Cine-Teatro Kim di Salemi.

L’evento voleva essere l’inizio di un percorso di sensibilizzazione della comunità sul tema delle barriere architettoniche, in chiave di turismo sociale.

Esso è stato strutturato in due momenti: proiezione del cortometraggio “Protagonisti”, prodotto dall’Associazione “Informamente” di Trapani e presentato alla BIT di Milano e l’illustrazione, nonché la distribuzione, di alcune guide turistiche all’accessibilità in Provincia di Trapani, realizzate dall’Associazione “Ermes Onlus” di Trapani.

Il tema suddetto è stato approfondito dai relatori:

  • Dott.ssa Ignazia Bartholini, ricercatrice e docente presso l’Università di Palermo, facoltà di lettere e filosofia;
  • Dott. Renato Briante, esperto di welfare dello sviluppo.

E dall’intervento di:

  • Dott.ssa Paola Gandolfo, pedagogista e Presidente dell’Associazione “Spazio Libero Onlus”;
  • Avv. Pasquale Guarnotta, Presidente dell’Associazione “Informamente” di Trapani;
  • Avv. Giuseppe Puglia, Presidente dell’Associazione “Ermes Onlus” di Trapani;
  • Manuel Bellafiore, Presidente dell’Associazione “La Poiana” di Santa Ninfa.

L’abbattimento delle barriere architettoniche, la promozione del turismo sociale, non sono argomenti che interessano solo pochi soggetti o solo gli addetti ai lavori… Tutt’altro! Esso è, innanzitutto, un diritto di tutti i cittadini e può, nello stesso tempo, favorire l’economia, la produttività e la promozione del territorio. In quest’ottica, è stato proiettato un video sul collocamento di una pedana nel “Museo dei pani”, sito nella Chiesa di San Bartolomeo.

Nella seconda parte, attraverso la degustazione di prodotti enogastronomici e vitivinicoli, si è voluto sottolineare la promozione del territorio, grazie alla partecipazione di alcune aziende locali. La serata è stata allietata dalla musica del gruppo “Italian Swing Sextet”.

Paola Gandolfo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *